17
Febbraio 2022
Nazionalismo

Nazionalismo: eterna malattia dello spirito?

Scritto da: Davide Platzer Ferrero

Cos’è il nazionalismo? È soltanto la malattia di qualche partito politico o di qualche nazione che vorrebbe imporsi sulla altre? Andando dietro a Orwell, si tratterebbe di qualcosa di più complesso e molto più diffuso. Nel saggio che pubblichiamo in questi giorni ( Sul nazionalismo, appunto), lo scrittore britannico lo definisce come «quell’abitudine a identificare sé stessi in una singola nazione o in un’unità di altro tipo, collocandola al di là del bene e del male e non riconoscendo altro dovere che la promozione dei suoi interessi». Il nazionalista non sarebbe allora soltanto (e forse neanche tanto) chi difende la propria nazione. Come esempi di nazionalismo, Orwell cita il fascismo, il comunismo, il cattolicesimo politico, il trockismo, il sionismo, il pacifismo, l'indipendentismo celtico, ecc. Realtà apparentemente lontane tra loro, anche contrapposte, ma tutte espressioni di quella medesima tendenza psicologica e intellettuale.

Nel saggio Orwell non cerca di spiegarne la genesi, preferendo concentrarsi sulla diagnosi di questa malattia, manifestatasi nelle sue forme più gravi e distruttive nel corso del ‘900. Però non dobbiamo pensare che il nazionalismo sia oggi meno pericoloso. Esso continua a rappresentare una della principali minacce alla democrazia liberale, erodendola dall’interno, minando il confronto pacifico e costruttivo. Anzi, internet e i social sembrano essere meccanismi studiati ad arte per dividere e contrapporre, allontanando le persone dalla realtà dei fatti, chiudendole in camere dell’eco che confermano costantemente i loro pregiudizi; nutrendo in loro, in altre parole, la bestia del nazionalismo. Non stupisce, quindi, che le analisi di Orwell risultino più che mai attuali, molto efficaci per descrivere la situazione degli ultimi anni. Prendiamo, per esempio, questo passo: «Ciò che vuole [il nazionalista] è sentire che la sua parte sta avendo la meglio su qualche altra, e può farlo con più facilità cercando di prevalere sull’avversario piuttosto che esaminando i fatti per vedere se gli danno ragione. Tutte le controversie nazionalistiche sono dibattiti inconcludenti in cui i partecipanti sono sempre invariabilmente convinti di essersi guadagnati la vittoria». Basta accendere la televisione e guardare un qualsiasi talk show per averne un esempio. O ascoltare le parole della maggior parte dei politici.

Allora come oggi, a fare le spese del nazionalismo sono l’onestà intellettuale e la libertà di pensiero.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016