11
Febbraio 2016
Libro in miniatura. Foto © slipstreamjc / Flickr

Distillati

Scritto da: Ezio Quarantelli

E così sono nati anche i libri distillati.

Dopo il Reader’s Digest, e soprattutto i «bignami» (chi non li ha usati, almeno una volta?), siamo arrivati ai libri… quintessenziali: solo ciò che serve, niente di superfluo, banditi i fronzoli o ciò che sembra tale.
Ma «serve» a che? Che cosa si può scartare in un buon libro?
Le descrizioni? Le, immagino apparenti, digressioni? 

Certe scene o certe storie che appaiono «di contorno»? Cos'altro? Forse un riassunto è più onesto, perché non vuole «sembrare» il libro.

Mi torna in mente una battuta di Woody Allen. La cito a memoria: «Ho fatto un corso di lettura veloce e ho potuto leggere Guerra e pace in venti minuti. Parlava della Russia».


Lascia un commento

I più letti

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post