23
Giugno 2022
il pensiero perduto

Diario editoriale #72: il pensiero perduto

Scritto da: Ezio Quarantelli

Ritorno a questo Diario editoriale dopo circa due mesi e mezzo di silenzio.
Per giustificare questo lungo lasso di tempo potrei addurre molte buone ragioni: il trasloco dei nostri uffici (faticoso come tutti i traslochi), il Salone del Libro (una liturgia un po’ stanca, ma sempre molto impegnativa), le difficoltà di ogni giorno in un anno che registra per tutti gli editori un sensibile calo delle vendite e un vertiginoso aumento dei costi di produzione.
La verità, però, è un’altra: volevo sottrarmi a quella che mi appariva ormai come una routine e prendermi del tempo per pensare.
Pensare è un’attività che richiede calma, solitudine (se possibile), silenzio e nessuna scadenza.
Questo spiega perché oggi abbondino gli opinionisti, i divulgatori, i polemisti, ma scarseggino i veri pensatori. Dove si trova il tempo per pensare, se dobbiamo correre dietro all’ultimo dibattito, all’ultimo festival, all’ultimo premio, all’ultima polemica?
E del resto quale guadagno economico e mediatico può procurare una vita appartata, che non ceda al costante ricatto dell’esserci, dell’apparire?
Ma le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il dibattito culturale è inesistente, quello politico è superficiale e ripetitivo. Mentre il mondo corre verso l’abisso (si legga l’ultimo, bellissimo libro di Susanna Tamaro: I pifferai magici), una densa nebbia di chiacchiere prive di contenuto ci impedisce di vedere e affrontare i gravi problemi che ci fronteggiano.
Ne evoco due. Quella in cui viviamo è ancora una democrazia? La nostra è davvero una società pluralista?
Soltanto un ingenuo può pensare che il semplice fatto di essere di tanto in tanto chiamati a votare certifichi la democraticità di uno Stato. La democrazia, anche quella rappresentativa, si nutre di informazione corretta e completa, di partecipazione, di ideali, di progettualità. E necessita di quelle diverse forme di aggregazione (partiti, sindacati, movimenti ecc.) che indirizzano e strutturano la volontà dei cittadini. Non è poi sufficiente che una società consenta le pratiche più stravaganti perché la si possa considerare davvero pluralista. Perché si dia pluralismo serve un costante e vero confronto fra culture e valori diversi, che si dimostrino capaci di scontrarsi (quando è necessario), di dialogare (sempre), di cercare e trovare dei compromessi (spesso). Non basta insomma l’incontrollata proliferazione dei desideri e dei supposti diritti individuali.
E allora? Beh, a voi di tirare le conclusioni.
Io non so (come nessuno sa) come si concluderà quest’anno sfortunato, ma è certo che serve uno scatto, un colpo di reni da parte di quella che un tempo si chiamava “società civile”, se si vuole almeno provare a salvare il salvabile.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Giugno 2022

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016