27
Maggio 2021
Frankfurter Buchmesse

Diario editoriale #52: servono ancora le grandi fiere?

Scritto da: Ezio Quarantelli

Quando, molti anni fa, ho incominciato a occuparmi di editoria, non esistevano i grandi gruppi che oggi dominano il mercato, le case editrici (indipendentemente dalle dimensioni) erano abitate da professionisti appassionati e competenti che conoscevano i dettagli di ogni singolo libro in uscita, i cataloghi venivano aggiornati e stampati una o due volte l’anno e si comunicava attraverso il telefono e il fax (rari i viaggi e le visite e comunque limitati all’Europa e a chi se li poteva permettere). La Fiera di Francoforte era una festa dove si davano appuntamento gli editori di tutto il mondo per presentare la propria produzione e i propri progetti, dove si scoprivano libri e autori, dove spesso nascevano fruttuosi rapporti personali. E oggi?

Oggi si comunica ogni giorno, addirittura ci si incontra attraverso Zoom e altri programmi analoghi e qualunque notizia circola in tempo reale. I grandi gruppi sono divenuti i collettori di una infinità di marchi diversi e sono spesso rappresentati da impiegati più o meno solerti abituati a recitare, per ogni libro di cui gli tocca parlare, un discorsetto che non dice nulla e a nulla serve. Le fiere internazionali (Francoforte e Londra, essenzialmente) sono divenute i luoghi di una stanca liturgia, a cui nessuno, però, si sente di rinunciare. Certo, l’immersione di qualche giorno in queste arene resta un’esperienza bella e stimolante, ma sempre meno utile.

Fra l’altro, per quanto strano possa sembrare, alle Fiere internazionali non si vedono poi tanti libri. I grandi gruppi accolgono editor ed editori dentro fortilizi con decine di tavoli dedicati agli appuntamenti, dove di fatto si può penetrare solo se si è attesi e quando arriva la propria ora. I giorni utili per il lavoro tendono a diminuire e anche le ore della giornata davvero fruttuose sono ormai una manciata. Verso le 17, soprattutto a Francoforte, comincia per tutti la spasmodica ricerca di uno stand dove offrano da bere e da mangiare e mi pare che, tra una birra e un'altra, resti poco spazio per le chiacchiere professionali.

Devo confessare che amo molto di più le fiere destinate al pubblico dove i libri sono assoluti protagonisti. Imparo di più andando al Salone del Libro di Parigi o alla fiera di Madrid (che per altro si tiene in un parco bellissimo) e mescolandomi al flusso disordinato dei visitatori, che nei corridoi immacolati dei luoghi riservati agli operatori.

E allora? Francamente non mi piace fare sempre la parte di chi dice che “il re è nudo” (e, poi, io sono solo un piccolo e trascurabile editore), ma è impossibile ignorare che è quanto meno… in mutande, e non è davvero un bello spettacolo.

Anche in questo caso c’è da riflettere, da ripensare e da riprogettare, se qualcuno ne ha voglia.

Foto: © Frankfurter Buchmesse


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post

Archivio

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016