6
Maggio 2021
Umanesimo

Diario editoriale #49: umanesimo e antiumanesimo

Scritto da: Ezio Quarantelli

È difficile ignorare i sintomi sempre più frequenti e diffusi di un antiumanesimo strisciante.

Se ne trova traccia in ambienti e in contesti anche molto diversi. Spesso chi se ne fa propagatore non è consapevole del significato e della portata delle sue affermazioni, non di rado fatte a sostegno di buone cause, che non sarebbe giusto contrastare.

Esiste ad esempio una forte componente di questo genere in molti ragionamenti, affermazioni, battaglie a difesa dell’ambiente e dei suoi abitanti non umani. L’essere umano diventa quasi un ospite improprio del pianeta, che può essere tollerato soltanto a condizione che cancelli ogni segno della sua presenza.

Esiste un’altrettanto forte componente di questo genere in molti ragionamenti, affermazioni, battaglie che mirano a estendere i diritti o le capacità degli individui, forzando o negando il dato di natura. La tecnica ci permette di fare molte cose mirabolanti, in alcuni casi al servizio dell’uomo, in altri casi negando un tratto essenziale della sua umanità: i suoi limiti. Infatti già da tempo si parla di transumanesimo, o di postumanesimo.

Non entro – per il momento – nel merito delle singole questioni, ma mi limito a una riflessione.

Esiste un umanesimo (o uno pseudoumanesimo) orgogliosamente antropocentrico e dunque spesso supponente, arrogante, anche violento. È quello di chi con le parole, ma più spesso con i fatti, afferma il diritto degli esseri umani a un dominio assoluto sul pianeta. È quello di chi brandisce i propri principi, dichiarandoli immutabili e inviolabili in ragione di qualche Principio superiore e assoluto, e non esita a calpestare le legittime aspirazioni di molti a vedere riconosciuti i propri diritti.

Questo umanesimo non è il nostro.

Esiste però (o può esistere) un umanesimo aperto, sensibile, inquieto, mite, che attribuisce agli esseri umani il ruolo di custodi (attenti, previdenti, pieni di cura) del pianeta e di tutti i suoi abitanti, che è orgoglioso dei traguardi raggiunti dalla nostra specie in molti campi, ma che non smette di interrogarsi sulle tragedie causate nei secoli dai nostri simili, che è lieto di contribuire in ogni modo alla realizzazione e alla felicità degli individui e che nel contempo riconosce l’esistenza di limiti forse invalicabili e che comunque non sarebbe opportuno valicare. È un umanesimo laico, ma che si nutre dei meravigliosi depositi della spiritualità e della saggezza umane. È un umanesimo fragile, ricco di dubbi, di rischi, di tentazioni, sempre esposto al fallimento, ma sempre pronto a ricominciare con buona lena la propria battaglia.

Questo – piaccia o no ai tanti nostri critici – è il nostro umanesimo.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Dicembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Giugno 2022

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016