29
Aprile 2021
Giacomo Leopardi

Diario editoriale #48: leggiamo Leopardi per progettare il futuro

Scritto da: Ezio Quarantelli

Ieri sera ho incontrato Maurizio Pallante (per la serie dei nostri incontri intitolati “Il bicchiere della staffa”) per ragionare intorno al suo libro più recente: Ultima chiamata. Cosa ci insegna la pandemia e quali prospettive può aprirci. Provo molta ammirazione e gratitudine per il bellissimo lavoro – informato, rigoroso, profondo – che Maurizio sviluppa da anni. Lui è uno dei pochi in Italia che affronta i problemi alla radice, senza accontentarsi di qualche ragionamento consolatorio.

Il punto è chiaro: qualunque forma di difesa dell’ambiente si rivelerà nel tempo inefficace se non sarà messo in discussione il nostro modo di concepire la produzione, l’economia e molte forme della nostra vita associata. In altre parole, se non cambieremo la prospettiva da cui immaginiamo e prepariamo il futuro.

Non è certo sbagliato promuovere a tutti i livelli una serie di pratiche virtuose che possono limitare i danni (o sembrano poterlo fare). E non è neppure sbagliato contare sulla capacità della ricerca scientifica e della tecnologia di aiutarci a trovare forme meno invasive per abitare il pianeta.

Per rovesciare la situazione serve però un cambio di paradigma che ci permetta di riconsiderare il nostro posto nel mondo e di riconfigurare la nostra scala di valori.

Come Pallante sostiene, destra e sinistra sono condizionate da un modo di concepire l’economia che si basa su presupposti analoghi, anche se poi arrivano evidentemente a conclusioni diverse. Tutto ruota sempre intorno allo sviluppo e alla crescita, due “dogmi” tutto sommato recenti, e non l’espressione di verità eterne. Non è un caso che la misura più spesso adottata per capire che cosa succede e per stabilire degli obiettivi sia esclusivamente quantitativa: il PIL infatti cresce pure quando si producono più armi o aumenta il numero degli incidenti stradali. Ma sviluppo e crescita conducono inesorabilmente a un sempre più intenso sfruttamento delle risorse con tutto ciò che questo comporta.

Il libro di Pallante – che vi invito a leggere e a far leggere – si apre con un bellissimo testo leopardiano, il “Dialogo di un folletto e di uno gnomo”. Il dialogo avviene dopo che si è compiuta l’estinzione della specie umana, di quella specie che aveva creduto che il mondo esistesse soltanto in sua funzione. Ma ora che non c’è più “la terra non sente che le manchi nulla, e i fiumi non sono stanchi di correre, e il mare, ancorché non abbia più da servire alla navigazione e al traffico, non si vede che si rasciughi”. E “le stelle e i pianeti non mancano di nascere e di tramontare, e non hanno preso le gramaglie”. Fosco, ma istruttivo presagio.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post

Archivio

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016