25
Febbraio 2021
Libreria

Diario editoriale #39: a me piacciono gli sconosciuti

Scritto da: Ezio Quarantelli

Ho molta ammirazione per i grandi professionisti dell’editoria: autori, traduttori, editor ecc. Nel corso della mia vita professionale ne ho conosciuti parecchi e sono spesso rimasto ammirato dalla qualità del loro lavoro, un lavoro per altro svolto per un modestissimo compenso. Quella del libro è una filiera povera e nessuno di quelli che ci lavora, per quanto bravo, potrebbe permettersi di comperare un alloggio decente nel centro di molte nostre città.

Io, però, ho fatto una scelta diversa, che ribadisco ancora oggi. Ho scelto sempre di lavorare con giovani alle prime armi, da formare, da seguire e, spesso, da lasciar andare (qualcuno, ben inteso, è rimasto ed è una colonna della casa editrice). Non l’ho fatto per risparmiare qualche soldo, come forse qualcuno potrebbe pensare, ma per una diversa ragione, che provo a spiegare.

È bene che chi mi legge sappia come è cominciata per me l’avventura editoriale. In anni ormai lontani, poco convinto di una non promettente carriera nel campo degli studi archeologici, ho colto l’occasione che mi offriva una casa editrice appena nata, in cerca di collaboratori. Avevo bisogno di cambiare ambiente e prospettive, e poi mi sembrava di entrare in un campo a me più congeniale per quella strana mescolanza che gli è propria di lavoro di ricerca, di organizzazione, di relazione. Così mi sono buttato a corpo morto in un mestiere che non conoscevo, senza avere vicino nessuno che potesse insegnarmi e dunque dovendo capitalizzare quel poco che so studiando, osservando (da lontano) il lavoro degli altri e sbagliando, sbagliando e ancora sbagliando.

Negli anni mi è venuta voglia di mettere a frutto questa lunga fatica, non solo cercando di sbagliare di meno (ci sono riuscito? non ne sono certo), ma anche offrendo, in varie forme, un’occasione di lavoro a chi fosse seriamente intenzionato a provarci. Del resto non appartiene al DNA di molta parte della piccola editoria cercare, formare, promuovere nuovi talenti?

Il bilancio per me è molto positivo. Non ho mai potuto godere dei vantaggi assicurati dai “salotti buoni” dell’editoria, ma ho goduto, e godo, della freschezza e dell’energia che spesso si accompagnano all’inesperienza. E mi godo l’idea che il mio piccolo sapere non vada del tutto disperso. E mi godo anche, qualche volta, l’apprezzamento di chi ha fatto “carriera”, ma ha un ricordo grato del tempo passato insieme.

Tutto qui? Dirà qualcuno. Sì, tutto qui.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Dicembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Giugno 2022

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016