14
Gennaio 2021
Eugenetica

Diario editoriale #34: il diritto di vivere e il… dovere di morire

Scritto da: Ezio Quarantelli

L’eugenetica, cioè l’idea che si possa migliorare la razza umana operando opportune selezioni, è antica e, prima di trovare una terribile applicazione nei campi di concentramento nazisti, ha affascinato paesi e società di tutt’altro orientamento.

Per molti anni dopo la fine della seconda guerra mondiale il termine stesso è stato considerato sospetto. I progressi della medicina (in particolare la nascita dell’ingegneria genetica) e soprattutto il prevalere di una concezione della vita che esalta sopra ogni cosa la performance (dobbiamo essere sempre sani, belli ed efficienti) le ha dato una nuova rispettabilità. Con danni gravi, anzi gravissimi.

Lindau nel corso della sua vita ha affrontato, sia in chiave storica che di stretta attualità, molte questioni etiche e bioetiche. Abbiamo in questo modo cercato di stimolare un dibattito, sempre molto asfittico e sempre più urgente. Abbiamo cercato, attraverso il puntuale lavoro di tanti autori, di far sentire la voce dei più deboli, dei più emarginati, di quelli che non hanno e non possono avere un sindacato, perché non nati, o gravemente menomati, o malati terminali.

Non abbiamo trovato molti compagni di strada facendo questo duro lavoro. Molti editori italiani sono troppo impegnati a promuovere qualche scrittore più o meno esotico, ma sicuro scalatore di classifiche, o a rinfocolare qualche polemica à la page, per trovare il tempo di occuparsi della vita e della morte e delle sfide che quasi ogni giorno la scienza ci lancia su questo terreno.

Ora, però, è arrivato il momento di decidere da che parte stare.

In questi giorni abbiamo letto che la bozza di programma del piano pandemico nazionale per il prossimo triennio suggerisce che, quando le risorse siano insufficienti, vengano destinate a chi ha più possibilità di guarire. Questa affermazione mi indigna.

Voglio essere chiaro: è evidente che un medico che si trovi a operare in una situazione di emergenza in cui i medicinali scarseggiano deve scegliere a chi somministrarli. Ed è ovvio che sceglierà quei pazienti la cui prognosi è meno infausta.  Che questa però diventi l’indicazione scritta – formale ed ufficiale – di un documento dello Stato è qualcosa di spaventoso e totalmente inaccettabile.

Per il momento abbiamo registrato qualche blanda reazione negativa, subito contenuta da dichiarazioni rassicuranti da parte del Ministero competente, visto che si sarebbe trattato soltanto di una bozza.

Il messaggio, però, è passato e nessuno è ancora sceso in piazza.

Evidentemente la vita dei più deboli conta meno della TAV (la mitica Torino-Lione) e della DAD (quella didattica a distanza che tanto fa soffrire i giovani italiani). E conta meno anche delle proteste di ristoratori e baristi. Insomma, non conta un bel nulla.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Dicembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Giugno 2022

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016