22
Giugno 2020
Luigi Spagnol

Diario editoriale #15: i "militi ignoti" dell'editoria

Scritto da: Ezio Quarantelli

Nei giorni scorsi, a 59 anni, è morto Luigi Spagnol, figlio d’arte (suo padre era Mario Spagnol, autore in anni ormai lontani del rilancio di molti marchi storici) e uno dei protagonisti dell’editoria di casa nostra.

La gran parte delle persone che mi leggono probabilmente ignorano chi è stato e cosa ha fatto, ma è sufficiente una rapida ricerca su Google per trovare molte notizie sul suo conto. Fatela, ne vale la pena.

Da un certo punto di vista è sorprendente che in un’epoca di esasperata esposizione mediatica, molti personaggi di rango del mondo editoriale restino invisibili ai più. Quasi nessuno dei grandi editori è un volto noto e quasi nessuno dei mille, spesso eccezionali, professionisti dell’editoria (agenti, consulenti, traduttori, editor, grafici ecc.) è conosciuto dai lettori. La ribalta è tutta per l’autore.

Questo è giusto. Come sosteneva proprio Spagnol in una lezione alla Scuola per Librai Umberto ed Elisabetta Mauri, dietro la nascita di un’opera (anche della meno riuscita) vi è un grande impegno, una grande energia, una difficile fiducia, mille volte persa e mille volte riconquistata, nel proprio lavoro. Senza contare il fatto che è l’autore a esporsi in prima persona, a rischiare il suo nome e la sua credibilità.

Credo però che anche chi opera dietro alle quinte meriterebbe attenzione, qualche volta critiche, qualche altra gratitudine.

Io ho avuto la fortuna di incrociare nella mia vita alcuni grandi editor e consulenti editoriali. Faccio due nomi fra i tanti, probabilmente sconosciuti a chi mi legge (troppo facile citare Cesare Pavese o Bobi Bazlen): Elena De Angeli e Malcolm Skey. Senza la prima, molti importanti scrittori italiani che ornano i cataloghi Einaudi e Adelphi si sarebbero sentiti “perduti”, senza il secondo i cataloghi di più di una casa editrice sarebbero più miseri.

L’editoria è una macchina povera, scalcagnata, poco considerata (soltanto chi vuole farne parte ne ha una certa considerazione), ma bisognosa di alte professionalità.

Poche filiere produttive richiedono la somma di tante diverse competenze, che maturano in anni e anni di studio e di lavoro e di esperienza, e non bastano mai, sono sempre da rinnovare o approfondire. È molto lontana dal vero l’idea che dietro a un libro ci sia un autore. Certo, senza un autore non ci sarebbe il libro. Ma il libro, quello che raggiunge il lettore, è il risultato di un’alchimia straordinariamente complessa.

E dunque, almeno per un giorno, ricordando Spagnol, onore al merito dei “militi ignoti” dell’industria culturale.

Foto: © Yuma Martellanz


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post