28
Maggio 2020
Harlem

Diario editoriale #12: un'America che nessuno conosce

Scritto da: Davide Platzer Ferrero

Terminato il periodo di lockdown anche questo Diario editoriale torna alla normalità. Da questa settimana ne saranno autori, oltre a Ezio Quarantelli, gli editor, i redattori e altri collaboratori della Casa editrice.

Vi voglio parlare di uno scrittore che, fatta eccezione per qualche specialista di letteratura americana contemporanea, probabilmente pochi in Italia hanno letto. Eppure è stato un autore importante, figura centrale dell’Harlem Renaissance, un movimento culturale e artistico che ha esercitato un grande influenza sulla cultura del ‘900. Si tratta di Wallace Thurman.

L’ho scoperto un po’ per caso (come mi capita spesso), inciampando in un articolo su una rivista letteraria americana che esortava a rileggere questo classico contemporaneo che offre uno sguardo spregiudicato su molte questioni ancora di grande attualità. Soprattutto, si soffermava su un titolo, Infants of the Spring, un romanzo fortemente autobiografico, ritratto suggestivo del mondo in cui Thurman viveva e scriveva. Ho iniziato a leggerlo e, be’, mi ha catturato sin dalle prime pagine e mi è piaciuto a tal punto che non solo ho detto a Ezio che non potevamo non pubblicarlo, ma che mi sarebbe piaciuto tradurlo. E così è stato. Con un mese di ritardo a causa delle vicende che ben conosciamo, I figli della primavera è finalmente uscito in libreria.

Voglio raccontarvi perché mi ha appassionato. In realtà, le ragioni sono molte. Innanzitutto appena aperto il libro sono entrato nella famigerata Niggeratti Manor, la casa più eccentrica e pittoresca di Harlem tra gli anni ‘20 e i ‘30, abitata da un gruppo di artisti scapestrati attorno ai quali girava la controcultura afroamericana del periodo. Seguendo le loro vicissitudini e peripezie, tra feste, alcol e musica jazz, mi sono poi immerso in un mondo, suggestivo e affascinante, che è stato un pezzo della storia americana – non solo letteraria – e ha influenzato, direttamente e indirettamente, la cultura occidentale. Devo dire che ho sentito molto vicini i personaggi, con le loro aspirazioni, i loro sogni, le loro ansie; sono assolutamente contemporanei, potrebbero essere giovani di oggi che cercano la propria strada in un mondo contraddittorio. Ho anche trovato molto interessante la discussione sociale, politica, artistica e filosofica che si snoda nelle pagine del libro; l’ho sentita  molto attuale, vicina alla mia sensibilità, ai miei interessi, alle mie inquietudini. Infine, è una storia ben raccontata, un romanzo ben costruito e di grande qualità letteraria in cui l’umorismo e l’ironia si mescolano a elementi drammatici e tragici. E potrei proseguire, ma spero di essere già riuscito a suscitare la vostra curiosità.

Wallace Thurman è stato uno spirito inquieto e spregiudicato così come Raymond, il protagonista del libro e suo alter ego letterario: uno spirito libero, spesso in contrasto non solo con la cultura dei bianchi ma anche con quella afroamericana, dalla quale non voleva lasciarsi omologare. Ha percorso solitario la propria strada alla ricerca della propria identità e coltivando la propria individualità – nel pensiero, nell’arte, nella vita.


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post

Archivio

Dicembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Novembre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Ottobre 2022

Giugno 2022

Aprile 2022

Marzo 2022

Marzo 2022

Febbraio 2022

Febbraio 2022

Gennaio 2022

Dicembre 2021

Dicembre 2021

Novembre 2021

Novembre 2021

Ottobre 2021

Ottobre 2021

Settembre 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Luglio 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Giugno 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Maggio 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Aprile 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Marzo 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Febbraio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Gennaio 2021

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Dicembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Novembre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Ottobre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Settembre 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Luglio 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Giugno 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Maggio 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Aprile 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Marzo 2020

Febbraio 2020

Novembre 2019

Ottobre 2019

Settembre 2019

Giugno 2019

Maggio 2019

Aprile 2019

Aprile 2019

Marzo 2019

Febbraio 2019

Gennaio 2019

Novembre 2018

Ottobre 2018

Ottobre 2018

Settembre 2018

Agosto 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Luglio 2018

Maggio 2018

Maggio 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Aprile 2018

Marzo 2018

Marzo 2018

Febbraio 2018

Febbraio 2018

Gennaio 2018

Novembre 2017

Novembre 2017

Novembre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Ottobre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Settembre 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Marzo 2017

Marzo 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Ottobre 2016

Settembre 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Luglio 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016