14
Maggio 2020
Carlo Coccioli

Diario editoriale #10: il ritorno dello scrittore assente

Scritto da: Ezio Quarantelli

C'è un autore rimosso dal canone della letteratura della seconda metà del Novecento.

Ha scritto più di trenta libri, in tre diverse lingue ed è stato tradotto da più di cinquanta editori in poco meno di venti paesi.

Non sono molti gli autori italiani che possono vantare un simile curriculum.

Ma soprattutto – ed è quello che più conta – è un gigante: è uno scrittore di straordinario talento, originale, imprevedibile, sensibilissimo, profondo.

E allora perché – si domanderà chi mi legge – non ha ancora ricevuto il posto che merita?

Per tante ragioni che proverò a sintetizzare, senza dirvi ancora il suo nome.

Ecco alcune delle sue colpe:

  •  è vissuto per decenni lontano dall’Italia, prima in Francia e poi soprattutto in Messico, ignorando le tante consorterie politico-editorial-letterarie che fanno e disfano i destini delle patrie lettere;
  • ha scritto indifferentemente in italiano, francese e spagnolo, negli anni in cui Arbasino invitava intellettuali ed editori italiani a compiere, per sprovincializzarsi, la famosa “gita a Chiasso”;
  • non ha mai smesso di porsi grandi interrogativi metafisici, sia quando vigeva il conformismo neorealistico, sia quando la società letteraria si divideva tra sperimentalismi a ogni costo e l’impegno politico militante;
  • è stato capace di affrontare (prendendoli di petto) temi scomodi (l’omosessualità negli anni '50), trovando il modo di inquietare e scontentare tutti.

Eh, sì, ha fatto in modo di dispiacere a tutti, salvo i lettori, perché ne ha avuti tanti, in tutto il mondo, e tutti affezionatissimi.

Quando io l’ho incontrato, cioè ho incontrato i suoi libri, è stato un colpo di fulmine, sia da lettore, sia, e più ancora, da editore. Perché nel suo profilo intellettuale, nel suo modo di essere, nelle sua parabola esistenziale e creativa ho trovato una rispondenza profonda con quello che Lindau è stata ed è. Ho trovato in lui la nostra stessa curiosità, il nostro mai soddisfatto desiderio di spostare ogni giorno i confini della ricerca e della riflessione, il nostro difficile e spesso frainteso anticonformismo.
Insomma, ho trovato in lui un nostro fratello maggiore.

Ora, per lo scrittore assente (definizione di Pier Vittorio Tondelli), nei giorni in cui si festeggiano i 100 anni dalla sua nascita, è venuto il momento di riapparire in forza negli scaffali delle librerie, e di incontrare e appassionare nuove generazioni di lettori, in attesa del momento – inevitabile – in cui riceverà il posto che gli spetta nelle storie letterarie.

Bentornato, Carlo Coccioli!

 

Dal 21 maggio in libreria:

Il cielo e la terra L'erede di Montezuma


Lascia un commento

I più letti

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone
2 . 04 . 2019

«Nihyakutōka»: il 210° giorno del Giappone

Dalla postfazione di Andrea Maurizi, traduttore e curatore de Il 210° giorno di Natsume Sōseki.Andrea Maurizi è docente di lingua e letteratura gi...

Scritto da: Redazione

Leggi post
Lindau cerca nuove storie e nuove scritture
15 . 04 . 2019

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture

Lindau cerca nuove storie e nuove scritture.Insomma, nuovi autori, che sappiano raccontarci il mondo in cui viviamo in un modo che (possibilmente)...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
200 anni di Walt Whitman
31 . 05 . 2019

200 anni di Walt Whitman

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Walt Whitman (1819-1892), pubblichiamo la prefazione di Roberto Sanesi (1930-2001) alla raccolta di poe...

Scritto da: Redazione

Leggi post