21
Maggio 2016
Salone del Libro

Salone del Libro: la piccola editoria vivace e i suoi lettori

Scritto da: Ezio Quarantelli

Tutti quelli che incontro mi chiedono del Salone del Libro, se c’è stato più pubblico, se si è venduto. Io rispondo per me, per quello che mi è parso, perché non ho ancora sentito due commenti che si assomiglino.

Più pubblico? Mah, forse un po’ meno, ma io su questo punto ho da sempre idee piuttosto confuse. Per tanti anni ho sentito ripetere che il pubblico cresceva, regolarmente, edizione dopo edizione: dovevano essere proprio pochi i visitatori all’inizio se per quasi un trentennio sono cresciuti con quel ritmo.

E le vendite? Per noi buone, abbiamo incassato una piccola cifra (non credete, per favore, a chi le spara grosse), ma è senz’altro più di quello che abbiamo fatto nel 2015.

E poi tanti lettori, appassionati e dialoganti, sono passati a trovarci e questa è forse la cosa più bella e che soltanto un Salone può darti.

In generale... be’, io penso da tempo che servirebbe una energica cura dimagrante: meno stand che con i libri non c’entrano, meno incontri, meno star. Ci avvantaggeremmo tutti se ci fosse un’atmosfera più raccolta e concentrata. Più pensata per i libri e meno per lo show.

Si è ormai diffusa la strana idea che tutto debba necessariamente tradursi in spettacolo, in ribalte affollate, luci sparate, code, applausi. Io, in tutta franchezza, per i libri immagino luoghi accoglienti, illuminati il giusto, silenziosi, che inducano alla riflessione, ai piaceri lenti della lettura, della parola ben meditata, della condivisione.

Come è mia abitudine ho seguito l’incontro organizzato dall’Associazione Italiana Editori dove ci hanno raccontato che il mercato dà segni di ripresa, dopo anni infami in cui anche i grandi gruppi hanno incominciato a scricchiolare (e sappiamo com’è andata a finire). Naturalmente c’è sempre chi guadagna e chi perde, e c’è chi dice che a guadagnare sono soprattutto i piccoli editori, per lo meno alcuni fra essi.

Io non so mai come valutare questi dati, che registrano spostamenti minimi, incuranti del fatto che non conosciamo i fatturati di Amazon, o degli effetti sulle vendite del «concorsone» per i precari della scuola.

Quello che posso dire è che vedo crescere una nuova generazione di piccoli editori, vivaci, determinati e capaci di proposte di grande qualità. Migliori di com’eravamo noi quando siamo nati negli anni '80 (Lindau nel 1989).

Attorno al nostro stand ce n’era qualcuno. L’ho ammirato e ho pensato che poteva insegnarmi molto, anche se io faccio questo lavoro da parecchio.

E ho anche pensato che i giganti sono rari, ma quelli davvero intelligenti hanno la saggezza di salire sulle spalle di chi è venuto prima e di imparare dai suoi errori per fare meglio. È ovvio, faranno altri errori, ma, se sono davvero bravi, faranno errori diversi.


Lascia un commento

I più letti

Piccoli editori, cattivi pagatori?
29 . 11 . 2016

Piccoli editori, cattivi pagatori?

Piccoli editori, cattivi pagatori. Ogni tanto sul web viene riproposta questa equazione, ma è proprio così? In linea generale sì, è spesso così. N...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Caro Motta, era difficile fare di più
18 . 10 . 2016

Caro Motta, era difficile fare di più

La politica di Federico Motta, presidente dell’Associazione Italiana Editori, comincia a dare i suoi frutti. Proviamo a elencarli: 1) due saloni d...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi
20 . 09 . 2016

Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi

Tutto è cominciato con un'idiozia (l'idea di trasferire altrove il Salone del Libro di Torino). È proseguito con un sopruso (la decisione di crear...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post