8
Febbraio 2016
Cupcake books © Victoria’s kitchen

Perché soltanto i libri?

Scritto da: Ezio Quarantelli

Pare che molti editori, piccoli o medi, dedichino ormai una crescente quantità di tempo ed energie ad attività che con i libri hanno una relazione soltanto indiretta: corsi, festival, prodotti audiovisivi e tanto altro ancora. Su questo è nata una chiacchiera, superficiale e fastidiosa come tutte le chiacchiere.
 Si dice: oggi, quello che un tempo è stato l’editore è diventato uno specialista di contenuti (parola magica), declinabili in diversi formati (autentico mantra di questi anni).
E pare una grande conquista. Mah...

A me sembra che si tratti piuttosto dell’eterna arte di arrangiarsi e che si rischi la mediocrità in tutti i campi: libri mal scelti e soprattutto mal curati, corsi raffazzonati, festival del blabla, prodotti audiovisivi sempre più facili e banali.

A Milano dicono: «Ofelè, fa el to mesté» (Pasticciere, fa' il tuo mestiere).
Un consiglio senza tempo.


Lascia un commento

I più letti

Piccoli editori, cattivi pagatori?
29 . 11 . 2016

Piccoli editori, cattivi pagatori?

Piccoli editori, cattivi pagatori. Ogni tanto sul web viene riproposta questa equazione, ma è proprio così? In linea generale sì, è spesso così. N...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Caro Motta, era difficile fare di più
18 . 10 . 2016

Caro Motta, era difficile fare di più

La politica di Federico Motta, presidente dell’Associazione Italiana Editori, comincia a dare i suoi frutti. Proviamo a elencarli: 1) due saloni d...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi
20 . 09 . 2016

Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi

Tutto è cominciato con un'idiozia (l'idea di trasferire altrove il Salone del Libro di Torino). È proseguito con un sopruso (la decisione di crear...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post