1
Luglio 2016
Giuseppe Prezzolini

Giuseppe Prezzolini: un intellettuale libero

Scritto da: Ezio Quarantelli

Chi si ricorda di Giuseppe Prezzolini?
Pochi e, probabilmente, qualcuno lo conosce soltanto di nome o per interposta persona. 

Eppure Giuseppe Prezzolini è stato uno dei pochi intellettuali italiani davvero liberi del '900. Liberi anche di sbagliare, ma sempre in proprio, mai per conto terzi. 
Rileggendo un suo vecchio libro, Il Manifesto dei conservatori (Rusconi, Milano, 1972), pieno di osservazioni intelligenti e di utili provocazioni, mi sono imbattuto in un testo che non ricordavo e che compare in un altro volume, Io credo
Mi è parso bellissimo. Di certo esprime efficacemente molte idee che condivido e con cui cerco di nutrire il nostro lavoro editoriale.

Eccolo.

«Gli uomini

si sposano per non chiedere più l’amore; 
vanno a scuola per non dovere più studiare; 
quando insegnano smettono di imparare; 
prendono un impiego per non lavorare più; 
scrivono per non leggere; 
dipingono per non guardare; 
cercan di comandare per non aver da obbedire.

Ma noi

veniamo a svegliarli dal sonno di queste abitudini;
insegnando che l’amore dev’essere ottenuto ogni giorno;
la scuola non comincia e non finisce mai, essendo tutta una cosa con la vita;
non insegna davvero che chi impara insieme a quello cui insegna;
il lavoro è una creazione continua;
non comanda bene che chi bene obbedisce.

E vogliamo

scantucciarli dalla loro pigrizia,
sbendarli dai comodi pregiudizi,
rompere le loro divisioni pratiche,
costringerli a rituffarsi nella realtà, che è movimento, dubbio, affermazione, dialettica continua».

«Ci sono

tanti manuali
moltissime antologie
parecchie opere eccitative
delle buone riviste
varie guide eccellenti
e introduzioni perfezionate,

Ma ricordatevi

il miglior libro del mondo è sempre il proprio cervello».


Lascia un commento

I più letti

Piccoli editori, cattivi pagatori?
29 . 11 . 2016

Piccoli editori, cattivi pagatori?

Piccoli editori, cattivi pagatori. Ogni tanto sul web viene riproposta questa equazione, ma è proprio così? In linea generale sì, è spesso così. N...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Caro Motta, era difficile fare di più
18 . 10 . 2016

Caro Motta, era difficile fare di più

La politica di Federico Motta, presidente dell’Associazione Italiana Editori, comincia a dare i suoi frutti. Proviamo a elencarli: 1) due saloni d...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post
Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi
20 . 09 . 2016

Salone del Libro: chiamata alle armi contro l'arroganza e i soprusi

Tutto è cominciato con un'idiozia (l'idea di trasferire altrove il Salone del Libro di Torino). È proseguito con un sopruso (la decisione di crear...

Scritto da: Ezio Quarantelli

Leggi post